Bergoglio in un rarissimo momento di lucidità: “L’aborto non è un diritto umano. No alla vita usa e getta”

Bergoglio in un rarissimo momento di lucidità torna a parlare di valori etici e cristiani: “L’aborto non è un diritto umano. No alla vita usa e getta”. Uno schiaffone in faccia alle femministe e ai sostenitori dell’ideologia della morte.

Roma, 2 feb – E alla fine anche Bergoglio si ricorda di “fare il Papa” e prendere posizione contro l’aborto. Nel ricevere i membri del Consiglio direttivo del Movimento per la Vita italiano in occasione della 31a Giornata nazionale per la vita, ha puntualizzato come l’interruzione volontaria di gravidanza non sia un diritto e la vita non sia un bene di consumo “usa e getta”, che debba sottostare a “un freddo calcolo di quanto abbiamo e di ciò di cui possiamo disporre”.

L’appello ai politici

Dure le parole del pontefice nei confronti di chi legifera sull’aborto senza però offrire alternative a questa pratica: “Quanti sono concepiti sono figli di tutta la società, e la loro uccisione in numero enorme, con l’avallo degli Stati, costituisce un grave problema che mina alle basi la costruzione della giustizia, compromettendo la corretta soluzione di ogni altra questione umana e sociale”. Bergoglio ha poi rivolto “un appello a tutti i politici, perché, a prescindere dalle convinzioni di fede di ognuno, pongano come prima pietra del bene comune la difesa della vita di coloro che stanno per nascere e fare il loro ingresso nella società, alla quale vengono a portare novità, futuro e speranza. Non si lascino condizionare da logiche che mirano al successo personale o a interessi solo immediati o di parte, ma guardino sempre lontano, e con il cuore guardino a tutti”.

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE - Seguici su Facebook e su Twitter

Con fonte Il Primato Nazionale