Cattura di Cesare Battisti, il comunista Piero Sansonetti: “Tutti intorno alla forca, ma non ci sono le prove”




(Libero Quotidiano) – “Tutti esultano per Cesare Battisti“, sbotta Piero Sansonetti su Twitter. “Tutti sono felici che venga a marcire all’ergastolo. Che lasci il suo figlioletto brasiliano. Che paghi con la vita. Quasi nessuno sa di cosa è accusato. Nessuno conosce le prove: non ci sono. È un rito pagano: tutti fratelli intorno alla forca”.

L’ex direttore di Liberazione e ora alla guida de Il dubbio, il giornalista non cambia idea e come Vauro, dice di stare dalla parte del terrorista. Sansonetti vuole “le prove. Solo le prove. Purtroppo non ci sono. E a nessuno gliene frega niente”, attacca sempre sui social rispondendo ai numerosi commenti. “Tutte e quattro le sentenze si fondano sulle accuse degli stessi pentiti. I quali sono gli esecutori dei delitti e hanno scontato due o tre anni di galera. Lo sconto è dovuto alle accuse a Battisti. Se questa è giustizia io sono Maradona”.

Infine, a chi gli chiede se “sta parlando a titolo personale o quale direttore del quotidiano degli avvocati italiani?”, ribatte: “Io parlo e scrivo sempre a titolo personale. È un diritto che mi viene garantito dalla Costituzione e del quale mi avvalgo da circa mezzo secolo. Intendo proseguire”.

Con fonte Libero Quotidiano

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE - Seguici su Facebook e su Twitter