Peppino di Capri: “Tra Baglioni e Salvini? Io sto con Salvini. Non sono razzista ma bisogna darsi una regolata”




Il grande cantante degli anni 60/70, Peppino di Capri, interviene sulla polemica innescata dai buonisti razzisti anti-italiani Baglioni e Bisio, che vogliono trasformare il festival di Sanremo in una tribuna politica contro il ministro degli Interni:  “Tra Baglioni e Salvini? Io sto con Salvini. Non sono razzista ma bisogna darsi una regolata”.

Nella querelle tra Baglioni e Salvini, e nella crociata mediatica pro o contro il cantautore romano o il ministro dell’Interno leghista, scende in campo una personalità del calibro di Peppino Di Capri che, in procinto di ricevere un premio alla carriera proprio alla prossima edizione del festival di Sanremo – la seconda targata Baglioni – dai microfoni di Un giorno da pecora, tutt’altro che intimidito si schiera apertamente con il leader del Carroccio e contro la predica buonista del collega cantautore.

Peppino Di Capri sta con Salvini: e lo dichiara ai microfoni di “Un giorno da pecora”

Tanto che, a precisa domanda rivolta a Peppino Di Capri dal conduttore del programma radiofonico di Radio uno – «Baglioni ha parlato anche della situazione dei migranti della Sea Watch, suscitando l’immediata risposta del Ministro Salvini. Lei con quale delle due posizioni è d’accordo?» – il cantante partenopeo risponde: «Forse più con Salvini; bisogna accogliere quelli giusti». Poi, aggiustando il tiro, non solo conferma, ma rilancia pure: «Non sono razzista, ben vengano tutti, ma bisogna pur darsi una regolata». A quel punto, quando l’indomito conduttore radiofonico lo incalza – forse non incline a rassegnarsi alla replica filo-salviniana del suo ospite – chiedendo a Di Capri: «Le piace quindi la posizione di Salvini? – il cantante con il garbo che lo contraddistingue, ribadisce: «La condivido abbastanza, fa parte di un’inquadratura generale della situazione», i giochi sembrano fatti e l’ultima parola dovrebbe essere stata pronunciata. E invece…

L’ultima provocazione, l’ultima replica… un po’ seccata

E invece no: e i conduttori Lauro e Cucciari, evidentemente non eccessivamente soddisfatti della risposta data e sottolineata dal cantante loro ospite, e forse in cerca di provocazioni, parafrasando un celebre pezzo di Peppino Di Capri, azzardano: «Si potrebbe dire Champagne, per brindare al governo?». Ma il cantante non ci sta, e fermo nelle sue posizioni, e forse anche un po’ contrariato, replica: «…Madonna, veramente, fateli fare un po’, poi vediamo che succede». E non occorre davvero aggiungere altro…

Con fonte Il Secolo D’Italia

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE - Seguici su Facebook e su Twitter