Palermo, maxi blitz antiterrorismo dei Ros, il “comico” Leoluca Orlando: “I terroristi non arrivano coi barconi”




PALERMO – Maxi blitz contro il terrorismo islamico con 15 arresti, il sindaco pagliaccio di Palermo continua a negare l’evidenza per difendere il business dell’accoglienza: “l’operazione dei Ros dimostra che chi vuole venire in Italia in collegamento con organizzazioni terroristiche non viene certo sui barconi dei migranti, rischiando la vita”

L’operazione antiterrorismo condotta oggi dai ROS e coordinata dalla Procura di Palermo conferma quanto sostengo da tempo e cioè che le politiche di criminalizzazione dei migranti non fanno altro che aiutare le organizzazioni criminali.

E conferma soprattutto, quasi in modo clamoroso, quello che è sotto gli occhi di tutti: chi vuole venire in Italia in collegamento con organizzazioni terroristiche non viene certo sui barconi dei migranti rischiando la vita.
Così come i grandi boss della mafia non girano certo con il lapino sgarrupato, i criminali internazionali non vengono in Italia sui barconi ma su potenti gommoni fuoribordo che in poche ore e su rotte poco trafficate li portano sulle coste siciliane.” Lo ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, commentando il blitz di oggi del Ros dei Carabinieri, che ha condotto al fermo di 15 persone in Sicilia e nella provincia di Brescia: 15 persone in totale le persone fermate, con l’accusa di istigazione al terrorismo e favoreggiamento dell’immigrazione illegale.

con fonte strettoweb

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE - Seguici su Facebook e su Twitter