Colpo di scena, Matteo Salvini blocca tutto: “Non sono stato consultato, non ho autorizzato un bel niente”




Clandestini islamici in Italia, Colpo di scena, Matteo Salvini blocca tutto e avverte il premier Conte: “Non sono stato consultato, non ho autorizzato un bel niente”. Crisi di governo in vista?

“Non penso che l’esecutivo sia a rischio…”. Quando lo raggiunge la notizia dell’accordo con l’Unione europea sulla redistribuzione dei 49 immigrati che si trovavano a bordo della Sea Watch e della Sea Eye, il sottosegretario Giancarlo Giorgetti si trova a un evento al Miur

Nell’immediato cerca di stoppare qualsiasi voce di crisi di governo, poi però si affretta a mettere in chiaro che la vicenda non è affatto risolta. Il dubbio, però, resta. E si fa strada soprattutto dopo che il presidente della Commissione per le Politiche europee della Camera, il grillino Sergio Battelli, si è messo pubblicamente a ringraziare Giuseppe Conte per la sua mediazione con Bruxelles. “Chi ha deciso per l’Italia?”, si chiedono nel partito di Giorgia Meloni. Matteo Salvini, dice chiaramente di non essere stato consultato: “Io non autorizzo niente, vediamo se arrivano…”.

“Chi ha deciso che l’Italia dovrà farsi carico di una parte degli immigrati delle navi Ong Sea Watch e Sea Eye?”. Il primo a sollevare i dubbi è il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida. L’annuncio del premier maltese Joseph Muscat arriva, infatti, dopo ore di tensioni all’interno del governo. Con Conte, che si era addirittura detto pronto ad andare a recuperare personalmente gli immigrati in mare con un aereo, e Salvini, che aveva ribadito il pugno duro annunciando nuove espulsioni. Poi la doccia fredda: la conferenza stampa di Muscat e l’annuncio (a sorpresa) di un accordo con Bruxelles che chiama in causa anche l’Italia. “Delle due l’una – accusa Lollobrigida – o ancora una volta la nostra Nazione è stata messa all’angolo e costretta a subire l’ennesima ingerenza dell’Europa, o qualcuno in Italia ha stabilito di sconfessare le parole del ministro dell’Interno autorizzando l’accordo con Malta”.

Che dietro all’accordo con Bruxelles ci sia la mediazione di Conte sono gli stessi grillini a dirlo in chiaro. “L’Europa che voglio elabora strategie comuni, rapidamente non dopo settimane”, ha twittato Battelli a caldo mentre Salvini, che quando l’accordo è stato annunciato si trovava in Polonia, ha promesso di non mollare: “Non sono stato consultato. Se ci deve essere una condivisione nel governo ci deve essere prima di prendere le decisioni”. L’arrivo dei quindici immigrati, annunciato da Muscat in conferenza stampa, si ferma così alla porta del Viminale. Non uno soltanto di questi, è la promessa del leader leghista, entrerà mai in Italia. “Bene – lo sfidano ora da Fratelli d’Italia – dimostri che le sue non sono solo parole da pubblicare sui social e si opponga con i fatti. Noi siamo pronti ad aiutarlo”. Per il capogruppo dem alla Camera, Graziano Delrio, le parole di chiusura del vicepremier leghista nei confronti dell’intesa con l’Europa “sono una vera e propria sfiducia per Conte”.

Con fonte Il Giornale

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE - Seguici su Facebook e su Twitter