Choc in Germania: terroristi antifascisti a volto coperto massacrano leader di destra e lo riducono in fin di vita




Antifascisti vigliacchi e terroristi come i traditori della patria partigiani che, anche a guerra finita, hanno trucidato, stuprato bambine e ucciso civili inermi. In Germania la brutta razza antifascista non è da meno: a Brema, un gruppetto di zecche rosse incappucciate ha massacrato di botte e ridotto in fin di vita un deputato di AfD senza motivo. Sarebbe ora che i patrioti tedeschi, i nazionalisti e i neonazi si uniscano e diano una bella lezione agli scarafaggi di sinistra.

La foto è choccante: un volto tumefatto e sangue che scorre su unocchio nero, conseguenza dell’aggressione, a Brema, contro un deputato e  responsabile locale dell’Afd, partito dell’estrema destra tedesca, in quella che la polizia ha definito un attacco “politicamente motivata”. Secondo quanto riferito, Frank Magnitz è stato aggredito ieri pomeriggio in una piazza del centro della città da tre uomini con il volto coperto, che lo hanno ferito gravemente. «Tenuto conto del ruolo della vittima, noi pensiamo che si tratti di un atto politicamente motivato», ha commentato la polizia, precisando che le indagini sono affidate ai servizi di sicurezza dello Stato, competenti in questo genere di casi.

L’Afd ha pubblicato la foto (in alto) del deputato privo di conoscenza sul letto dell’ospedale nel quale è stato ricoverato, con il voto insanguinato e tumefatto ed un taglio lungo e profondo sulla fronte. Magnitz è stato attaccato da diverse persone a volto coperto. «Considerata la professione della vittima, riteniamo che questo sia un atto politicamente motivato», ha riferito la polizia. «Lo hanno colpito con una mazza di legno fino a che non ha perso i sensi e poi lo hanno preso a calci a terra», ha detto l’AfD, aggiungendo che un operaio edile sul posto è intervenuto mettendo fine all’aggressione.

Con fonte Il Secolo D’Italia

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE - Seguici su Facebook e su Twitter