La vergognosa Boldrini specula sui morti di Ancona: “Salvini doveva precipitarsi a Corinaldo, non in piazza”




Laura Boldrini non è solo politicamente “vomitevole” per ciò che dice e che fa, ma è anche una vergognosa sciacalla che banchetta sui cadaveri per attaccare l’avversario politico. Una vera zecca comunista da schiacciare (sempre politicamente non sia mai che ci quereli). La leader del partito morto Liberi e Uguali specula sulla tragedia di Ancona:  “Salvini doveva precipitarsi a Corinaldo, non in piazza”.

Matteo Salvini parla al popolo della Lega in una Piazza del Popolo gremita e Laura Boldrinilo attacca, su Twitter, per non essere andato subitamente ad Ancona, per mostrare la presenza dello Stato in seguito alla tragedia nella notte.

In una discoteca di Corinaldo hanno drammaticamente perso la vita sei persone durante il concerto di Sfera Ebbasta: da quanto riportato da alcuni testimoni, un uomo incappucciato, attorno all’una, sarebbe salito su un cibo del locale, spruzzando sulla folle un urticante spray al peperoncino, scatenando un effetto panico mortale. Infatti, per uscire dal club, i presenti hanno preso d’assalto le uscite e l’effetto calca ha fatto crollare due parapetti: sei vittime, cento ferti, di cui otto in gravi condizioni.

Il ministro dell’Interno dovrebbe aver raggiunto la località marchigiana, ma nel primo pomeriggio l’ex deputata di Liberi e Uguali ha voluto prendersela comunque con il leader della Lega, rimproverandolo di essere salito sul palco a Piazza del Popolo. Ecco, infatti, cosa ha scritto la Boldrini sul proprio profilo social: “Un Ministro dell’Interno serio si sarebbe precipitato ad #Ancona dove stanotte sono morti sei giovani e ci sono decine di feriti #Salvini invece ha altre priorità: fare un comizio ai suoi militanti. Non perda altro tempo, vada subito nelle #Marche”.

Con fonte Il Giornale

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE - Seguici su Facebook e su Twitter