I migranti sul barcone trasbordati sulle navi italiane. Ma Salvini avverte: “Sbarcheranno a Malta. Io non mollo”




Circa 300 dei 450 clandestini a bordo del barcone di legno sono stati trasbordati sulle navi militari italiane. Ma Salvini usa il pugno duro e promette: “Sbarcheranno a Malta. Io non mollo”

Dopo lo scontro tra Italia e Malta, il barcone di legno con a bordo 450 migranti ha passato la notte in mare, in acque italiane a largo di Lampedusa. Ma per evitare una tragedia, questa mattina sono intervenute le navi militari italiane.

Così 260 persone sono state trasbordate sul pattugliatore “Monte Sperone” della Guardia di Finanza e un’altra cinquantina sono ora a bordo di una delle unità della Capitaneria di porto. Sul barcone restano quindi un centinaio di persone, mentre quattro persone – tra cui una donna in stato di gravidanza – sono state portate a Lampedusa per cure mediche.

L’ipotesi, però, è che le imbarcazioni italiane non portino i migranti nei porti italiani, ma che – come rivela il Corriere – li scortino in acque maltesi. Già ieri, infatti, Salvini avrebbe confidato ai suoi collaboratori l’idea di mettere Malta davanti alle proprie responsabilità. garantendo ai disperati cure e assistenza, ma senza cedere. “Come promesso, io non mollo”, aveva scritto ieri il ministro su Facebook, “Sappiano Malta, gli scafisti e i buonisti di tutta Italia e di tutto il mondo che questo barcone in un porto italiano NON PUÒ e NON DEVE arrivare. Abbiamo già dato, ci siamo capiti?”.

Con fonte Il Giornale

redazione riscatto nazionale.org

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE