Cagliari, estremisti antifascisti choc: “Giuste le bombe contro i poliziotti e contro i fascisti di Casapound” (Foto)




Ecco il vero volto degli antifascisti estremisti, violenza, odio e terrorismo, oggi come ieri il loro atteggiamento non cambia. A Cagliari un gruppetto di terroristi antifascisti hanno affisso dei cartelli deliranti con il silenzio e la complicità dell’estrema sinistra che governa la città: “Giuste le bombe contro i poliziotti e contro i fascisti di Casapound”.

Cagliari, 11 lug – Sta diventando un caso nazionale il manifesto delirante affisso ieri notte in centro a Cagliari da quello che sembra un gruppo di vecchi arnesi dell’anarco-antifascismo, ben noti in città e con forti legami con le più recenti realtà del cosiddetto antagonismo cittadino che da qualche anno gode di totale impunità (e addirittura sovvenzioni elargite a chi occupa illegalmente luoghi pubblici, come la ex scuola di Via Lamarmora) da parte della giunta guidata da Massimo Zedda. Quello che veniva definito l’astro nascente del PD e della sinistra in genere (figlio di un dirigente del PCI, la sua carriera iniziò con SEL a guida Nichi Vendola). Un piccolo De Magistris, diciamo.

Comunque quello che sta suscitando grande indignazione non più solo a livello locale (la storia sta già diventando virale sui vari social) sono i contenuti del tristo manifesto: una serata di finanziamento per i tre accusati di essere gli attentatori che misero una bomba alla libreria il Bargello di Firenze lo scorso dicembre, causando il ferimento e la mutilazione grave dell’artificiere della Polizia Mario Vece, il quale perse un occhio e una mano tentando di disinnescare l’ordigno. Il tutto definendo il poliziotto uno “sbirro ficcanaso” e concludendo così: “Continueremo a gioire ogni volta che qualcuno attacca i fascisti, meglio ancora se uno sbirro ci va di mezzo”.

Pochi giorni fa i nomi dei tre sospetti attentatori, ora in carcere con accusa di tentato omicidio, erano stati vergati sulla sede cagliaritana di CasaPound Italia, accompagnati dai soliti insulti e minacce.

Davide Olla

Con fonte Il Primato Nazionale

Redazione Riscatto Nazionale.org

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE - Seguici su Facebook e su Twitter