“Non ci prenderemo i migranti respinti da Germania e Austria”: il ministro Salvini è pronto a sigillare i confini




Il ministro degli Interni Matteo Salvini ha le idde chiare e se la palla a sigillare i confini del Nord italia: “Non ci prenderemo i migranti respinti da Germania e Austria. Ci incontreremo per trovare un punto di accordo”.

Il titolare del Viminale in un’intervista al Messaggero spiega le prossime mosse del governo sulla gestione dell’emergenza immigrazione. Sulle decisioni prese a Vienna e Berlino per rispedire in Italia i migranti afferma: “Fanno il loro interesse, ovviamente. Ci incontreremo per trovare un punto di accordo. Di certo nel dossier italiano non c’è l’ipotesi di far rientrare in Italia chi è andato all’estero. Questa è l’ultima cosa che può accadere”.

Poi il ministro degli Interni spiega in modo più preciso la sua posizione e prepara il piano da presentare al vertice di Innsbruck: “Se i tedeschi e gli austriaci invece di pensare solo a rispedirci i migranti, ci aiutassero a chiudere le frontiere esterne sarebbe un passo in avanti. Andrò ad Innsbruck con un documento molto dettagliato. Abbiamo 130mila domande di asilo politico ancora da esiminare, 300mila domande di cittadinanza italiana in sospeso, 164mila presuntiu profughi ospiti negli alberghi. Insomma abbiamo fatto più di chiunque altro. Ora basta, tocca agli altri”. Infine Salvini ribadisce ancora una vbolta il “nuovo corso” del Viminale e apre agli sbarchi dei migranti solo se c’è una intesa preventiva di redistribuzione tra Paesi volenterosi.

Con fonte Il Giornale

redazione riscattonazionale.org

TITOLO, COMMENTO, IMMAGINE - ©RISCATTONAZIONALE