Dopo Salvini anche Di Maio attacca la dittatura Ue: “Gli euroburocrati hanno paura. Cambieremo i trattati”




VIDEO – Dopo Matteo Salvini, anche Luigi Di Maio attacca la dittatura eurocomunista per le ingerenze e minacce: “Mantenere la rotta su debito e immigrazione”, come un “eurocrate non eletto da nessuno”. “Vedo tanta paura da parte di un certo establishment ma chi non vuole il cambiamento è nostro nemico”.  E poi come il leader della Lega promette: “I vincoli e i trattati vanno rivisti”.

“Quante cose volete sapere…”Luigi Di Maio è assediato dalle domande dei cronisti.

Il tempo corre e il contratto di governo non è stato chiuso. Gli incontri tra leghisti e pentastellati si susseguono a ritmo incessante. Voci ben informate riferiscono di difficoltà sui punti chiave del programma“I giornali scrivono tante cose – cerca di minimizzare – a me risulta che il tavolo tecnico sta andando molto bene”. E dà appuntamento ai seguaci di Beppe Grillo ai gazebo che il prossimo fine settimana il Movimento 5 Stelle allestirà nelle piazze del Paese per “illustrare il contratto”.

“In questi giorni non c’è un solo giornale che non tifi per il fallimento di questo tavolo”. In un video postato su Facebook, Di Maio se la prende in particolar modo con il Financial Timesche titolava Arrivano i barbari a Roma“Come vi permettete? Più arrivano questi attacchi e più sono motivato”, sbotta il leader grillino bollando poi il vice presidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, che in mattinata ha invitato il nuovo governo a “mantenere la rotta su debito e immigrazione”, come un “eurocrate non eletto da nessuno” (guarda il video) E proprio alla Commissione europea coglie l’occasione per mandare un messaggio netto: “I vincoli vanno rivisti, dialogando con gli altri Paesi ma vanno rivisti, perché è in Europa che si gioca la partita importante per finanziare tutte le misure economiche che ridiano diritti sociali agli italiani” (guarda il video).

“Vedo tanta paura da parte di un certo establishment ma chi non vuole il cambiamento è nostro nemico”All’indomani del faccia a faccia con Sergio Mattarella, Di Maio prova a ostentare sicurezza. In realtà, le consultazioni di ieri al Colle non hanno fatto altro che svelare il gigantesco bluff messo in piedi con Matteo Salvini“Da una parte c’è il coraggio e dall’altra la paura – dice su Facebook – ma questo è il momento del coraggio”. E incalza: “Se riusciamo a chiudere il contratto, a mettere tutti i temi che servono, se ci riusciamo… sarà una bomba”

Con fonte Il Giornale

Redazione riscattonazionale.org

Redazione riscattonazionale.org